sabato 16 marzo 2013

Ultimates #6. La fine della saga

Ultimo capitolo palesemente sotto tono per la pur splendida saga che comunque ha rilanciato l'interesse nei confronti dell'Universo Ultimate. Peccato davvero, perché dopo aver creato una trama ricca di colpi scene e di momenti mozzafiato ci si poteva aspettare un finale delle stesso livello.
Il punto è che di fatto il finale è perfettamente logico e sensato, ma lo scontro conclusivo tra gli Stati Uniti e Reed Richards manca della carica epica che aveva caratterizzato i numeri precedenti. Niente scontri drammatici (come l'assalto ad Asgard), niente battaglie disperate (l'attacco dello S.H.I.E.L.D. alla Città), nessuna battaglia titanica (la guerra tra i Figli e il Popolo) o atti di follia (l'attacco nucleare e la ritorsione di Reed). Alla fine si risolve tutto in modo rapido. E andrebbe anche bene se non fosse per il fatto che la soluzione, leggi Anthony,  sia del tutto demenziale.
Peccato: era stata (e rimane senza dubbio) una grande saga. Rovinata però da un finale frettoloso e poco ispirato.
E senza dubbio il passaggio dai disegni di Esad Ribic a quelli del pur bravo Luke Ross non ha aiutato.

 Tipo:
RIBIC

VS

Ross 

Bravo, ma non è la stessa cosa. 

Per il resto della saga leggete pure qui: 
Ultimates #1 (The Republic is Burning #1&2)
Ultimates #2 (The Republic is Burning #3&4)
Ultimates #3 (The World #1&2)
Ultimates #4 (Two Cities, Two Worlds #1&2)
Ultimates #5 (Two Cities, Two Worlds #3&4)

E mese prossimo parte il crossover....