giovedì 8 novembre 2012

Juve - Nordsjaelland 4-0. Prendersela con i ragazzetti del campetto di quartiere


Poi alla fine è stato anche facile. E lascia perdere quella brutta storia dei 2 punti gettati nel cesso all'andata che TRALALALALA non ti voglio ascoltar!
Un po' che per motivi che non hai capito hai passato 3 giorni a sentir dire che la Juve era in crisi e che era finita (che boh, a te pare sia prima in classifica e che una sconfitta dopo 49 partite non sia tipo una roba così tremenda..), un po' perchè ti piacerebbe anche vedere qualche partita in più di Champions, prima di ridurti a tifare qualche squadra straniera di cui non ti frega una beneamata.
 
Ci si mette poco. Che prima Marchisio fa un gol facile facile che in Danimarca va di moda lasciare liberi in mezzo all'area i giocatori forti
nella foto tutti i campioni della Juve....più Matri che passava di la per caso
Poi il gol paraponziponzipò di Vidal propiziato da una difesa ridicola del Nordfallon di quelli la vestiti di rosso. Una roba imbarazzante da grande calcio banana del campetto con gli amici che tutti volevano fare i centravanti e avevi i portieri volanti..
la difesa dei tizi danesi subito dopo aver preso il gol...
E niente. Sul 2-0, con il NordPeterSellers gli altri che ti guardano e c'hanno il portiere che tifa Juve e che, si ho capito Piccinini, ma non me ne frega una tibia, e che già che ci sono danno pure la sera libera a Pirlo che loro hanno preso da Zeman e fanno le cose alla cazzo di cane
per l'appunto: il cane.
 
...spetta che stavo dicendo? Si..sul 2-0 e via dicendo. Sul 2-0 si possono anche far giocare gli attaccanti e farli sentire meno inutili. Almeno un po'.
Infatti segna Giovinco. Che ormai si è capito che segna solo a babbo morto sul 2-0, meglio se 3-0, meglio se te ne vai a fare un giro da un'altra parte.
esultando con espressione di rara scaltrezza

 
E niente. Il meglio arriva nell'intervallo che ci hai il dolce. Tanto la partita è andata.
 
Il secondo tempo è quasi come il primo ma peggio. Che i tizi di rosso addobbati adesso marcano Pirlo palesando la loro lettura tattica: far stancare Pirlo a furia di cross nel primo tempo e poi marcarlo nel secondo. Zeman ne sarebbe fiero.
E fanno anche un tiro in porta. Costa loro quasi un embolo e alla fine si dicono che non lo faranno mai più. Ma intanto vuoi mettere la soddisfazione?
Poi segna Quaglia, entrato di nascosto e solo per far apparire meno ridicolo nonno Lucio a cui hanno fatto vedere il campo con la stessa finta bontà con cui ai vecchi danno il pane da tirare ai piccioni al parco.
 
Ma solo dopo la perla di Matri. Lanciato da una giocata della madò di Quaglia (che vince due contrasti, conquista il pallone e piazza un filtrante da far invidia a Pirlo) il killer di veline dribbla il portiere (no davvero!) DALLA PARTE SBAGLIATA e con rara goffaggine si fa fottere il pallone da uno dei tre clow di cui sopra dei difensori di rosso addobbati e via niente per lui solo pugnette stasera.
 
Finisce qua. 4-0 facile, prima vittoria in Champions, polemiche finite e qualificazione vincolata alla vittoria con il Chelsea. Come prima. Ma un po' meglio.