lunedì 22 aprile 2013

Attacco al potere. La recensione

Attacco al Potere (che noi preferiamo chiamare con il suo nome originale che è assai più ganzo) alla fine è pure un film che può piacere se siete (come il sottoscritto ieri sera) alla ricerca di un action movie mediamente ignorante, dove la sospensione dell'incredulità è la regola fondamentale (che voglio dire...vai a vedere un film dove dei terroristi nord-coreani attaccano la Casa Bianca....mettiti di animo buono e non fare il pignolo) e le esplosioni abbondano. Diciamo un Die Hard senza Bruce Willis. Anche perchè nel 2013 Gerard Butler è molto più credibile dell'attuale zio Bruce... anagrafe imperat! 

Boom, crash, spatafash! 
Lo devi andare a vedere come andresti a vedere un film porno. Senza preoccuparti troppo della trama e senza farti troppe domande. E godendoti il mondo che esplode....

...gente che viene falciata via senza alcuna pietà....


....esagerazioni molto anni 80 e molto costanti... 

....e il protagonista che ha sempre la situazione sotto controllo

Insomma: se amate l'azione allo stato puro il film fa per voi. E se, come il sottoscritto fate finta di nulla di fronte ai vari buchi di sceneggiatura alla fine riuscite pure a divertirvi. Anzi: vi divertite parecchio. 

Per i fastidiosi cinefili che ne sanno sempre una più degli altri.... 
Si ecco, ci siete anche voi. Ecco per voi posso dire che il film ha tutta una sfilza di difetti che rendono la trama arruffata quando va bene e addirittura assente quando va male. Per non parlare di tutta una serie di trovate che non hanno senso. Piani terroristici che sconfinano nell'eccesso più assoluto, armi rubate all'esercito come se nulla fosse, un AC-130 che viola lo spazio aereo di Washington senza che nessuno se ne accorga, personaggi eccessivamente stereotipati e via dicendo.
Ecco, siete contenti? Ora tornate a giocare con gli altri....dio quanto odio i cinefili.... 

Però
Però un film va visto per quello che è. Non puoi andare a vedere "Olympus has Fallen" e valutarlo con lo stesso metro di paragone che usi per Lincoln o per Educazione Siberiana. Semmai è un film che vai a vedere senza troppi pensieri. E alla fine, volenti o nolenti, a suo modo funziona.

P.S: no, tra le critiche non ho messo il fatto che gronda di retorica americana. Cazzo...è un film dove attaccano la Casa Bianca....che minchia vi aspettate???