martedì 1 ottobre 2013

Rush - La recensione (anche se l'han già visto tutti....)


Non ce l'hai fatta ad andare prima al cinema e quindi oramai il 99% di chi era interessato a vedere il film lo ha già visto, sa già tutto e ci fa le pernacchie a questa recensione. 
Quindi la mettiamo giù facile: è uno dei film più belli che hai visto nell'ultimo paio di anni ed è, di gran lunga, il più bel film ambientato nel mondo delle corse automobilistiche di cui tu abbia ricordo. 
E tanto basterebbe. 
Perchè Ron Howard ti porta in scena in un colpo solo tutta l'epicità di una grande sfida, il dramma che lo accompagna e condisce tutto con un montaggio oggettivamente straordinario, da grande maestro del mezzo cinematografico. 
Se, come il sottoscritto, siete appassionati di Formula 1 ci troverete tutto quello che avete sempre sognato e alcune scene, quando a parlare sono i motori, vi faranno (vi hanno fatto) arrapare selvaggiamente. Se però anche non ve ne frega nulla e per voi i motori non significano una cippa andate lo stesso a vederlo, perchè sopra a tutto e tutti ci sono i due protagonisti, la loro straordinaria rivalità e una storia bellissima. 

quelli veri in una foto del 1976

Alla fine Rush è questo. Un film che, al netto di alcune estremizzazioni (Lauda e Hunt erano rivali, ma avevano trovato il tempo di diventare anche amici) e alcune simbologie evidenti e un po' tirate, ha una cosa rara: un'anima.  E che alla fine ti lascia dentro delle emozioni purissime.