mercoledì 18 settembre 2013

Milan - Celtic 2-0. Poi alla fine se ne son ricordati....


Nei presso di una città abusiva cinese tra le tante, in un luogo noto come San Siro, si gioca una partita tra la squadra non odiosa di Milano e i rappresentanti di una nota marca di sidro di mele scozzese. 

Il primo tempo è una via di mezzo tra il comico e grottesco. Che Balotelli e Matri sono comprensibilmente sotto shock per il fatto di vedere Birsa in campo e vanno a nascondersi per paura che qualcuno pensi che siano suoi amici e gli altri, palesemente affetti dai sintomi della sbornia, in pieno atto tra le cose, che si permettono di giocare la palla. Sti immigrati! Ma non hanno ancora capito che il loro palleggio NON-LO-VOGLIAMO? 
Siccome però quelli sono di una scarsezza immonda (che l'anno scorso la Juve vinse schierando Peluso, l'equivalente calcistico di una pernacchia) Abbiati si fa prendere dalla tenerezza e piazza il cappellone 
Che te una punizione in area non la vedevi da....aspetta....ah si, dai tempi di Jens Lehmann (quello che poi faceva anche il banchiere ebreo in america....o forse faccio confusione...). 
Naturalmente essendo loro immondamente scarsi non succede un cacchio.... lo sanno tutti che le punizioni in area si battono così: 

Fosse difficile!!!

Per il resto ogni tanto il Milan si fa vedere. Specie quando Matri transita per l'area lungo la strada che lo porta a limonare con qualche tifosa. Il Mitra non molla un colpo. Loro non mollano un cazzo. Modello per tutti i giovani! 

Intanto ti arriva la notizia di un intervento aggraziato ma folle di Weidenfeller a Napoli. Intervento di cui abbiamo una diapositiva

Il secondo tempo è circa uguale. Solo che sadicamente Allegri decide di lasciar illudere quegli scarsoni strafatti di idromele lasciandoli arrivare a 1 metro dall'area per poi godersi i loro passaggi del menga.  E si chiede perchè a quel brutazzone di Samaras tocchi una gran gnocca nonostante i chiari sintomi dell'occhio da triglia e a lui tocchi invece solo Galliani, che una bella donna non è mai stato. 
No, non è Galliani, me ne dolgo

La partita si trascina quindi stancamente e senza senso fino al momento della svolta quando Birsa se ne va fuori dai maroni. E infatti, trenta secondi netti che ecco che Balotelli, ritrovato l'orgoglio di giocare per il Milan, piazza subito l'assist. 
No spetta..... Zapata????? 
no, l'altro... 

Fa 1-0, ma la gente, educatamente e sportivamente, si chiede se sia giusto vincere con un gol di quel tizio, quando Muntari risolve l'enigma. Che pure i suoi gol sono un reato contro il calcio, ma visto che meno per meno fa più....

Fa 2-0, rappresentanti della birra a casa e il loro allenatore, un noto tossico di Lambrate, può tornare al bar a scatenare risse.