venerdì 21 dicembre 2012

The Ultimates #4, Ultimate Spider-man #5 e Ultimate X-Men #4

In effetti ero rimasto un pelo indietro. Recuperiamo e vediamo un attimo. Ah...quella roba di scrivere un post su Medal of Honor e su Black Ops 2....magari un giorno mi ricordo di farlo...magari.

Del nuovo ciclo di storie dedicati agli Ultimates hai già parlato bene qui, quiqui e, infine, qui.
Che Hickman si diverte a caricare il fucile come pochi e prosegue il lavoro iniziato con "Il mondo" (su Ultimates #3) preparando la tavola per un grande banchetto. La discesa in campo di Tian e il ritorno di Hulk sono colpi da maestro. Idem la reazione folle e frutto del panico del governo degli Stati Uniti. Insomma...a gennaio mi aspetto un sacco di cazzotti e nuovi sviluppi drammatici.
Ribic continua a fare un lavoro monumentale ai disegni e non so più che complimenti fargli..meglio due immagini a caso...


Insomma: leggetelo, ordinatelo, amatelo...fate voi.

Il nuovo Spider-man nero-latino continua a piacermi. E continua a piacermi la riscrittura di vari personaggi storici. Il rapporto tra il protagonista è Prowler è un colpo giocato bene e gestito meglio. Idem per la gestione dell'identità segreta: Miles Morales si trova ad affrontare problemi che Peter Parker non aveva (tanto per la differenza d'età, quanto per quella legata alla presenza dei genitori....). Per di più che una certa simpatia per il ragazzo ti sorge spontanea.
Quindi: 5 su 5. Anche qui consigliata la lettura. In attesa di vedere come evolve il personaggio.

Dopo i primi due episodi avevo detto che la nuova serie degli X-Men mi era parsa un pelo deludente. Giudizio che si estende anche al terzo e conclusivo capitolo del primo ciclo. Il secondo ciclo si apre  con due episodi molto diversi tra loro. Si inizia male e si finisce bene. 
Male, infatti, il primo episodio. Certo: il confronto tra Quicksilver e Wanda ha il suo perché. Solo che alla fine tende a stufare abbastanza. E spero che quell'ultima immagine sia l'imbroglio di qualche nemico e non quello che sembra....davvero...
resta il fatto che questa versione di Scarlet abbia qualcosa...di più...
Meglio la seconda parte. Ancora gli Eterni e i Celestiali e di nuovo Jean Grey con qualche buona ragione di interesse. 
I disegni sono discreti. Solo che alla fine ti danno un po' troppo l'idea di qualcosa di plasticoso...non so come dirlo meglio. 
Insomma: un albo discreto nel suo complesso. Più che leggibile comunque. 



P.S. :


 ...si si...meglio la seconda versione... anche se rende bene pure la prima, dai.