martedì 6 agosto 2013

Come uno in coda all'INPS che non sa se ce la farà.....

gente in coda

Alle ore 10.42 entra il solito tizio nel tuo ufficio e ti ci dice LA frase. "Ah, Giovà! Ci sta da andare all'INPS...". Giureresti che sta ridendo. Che lo sapeva dalla sera prima e invece di dirtelo alle 8, che sai mai che trovi poca gente te lo dice a metà mattina, che ci trovi tutta il corpo di spedizione americano di ritorno dall'Afghanistan. Ma ho sempre pensato che il capo fosse un tizio poco affidabile per certe cose. Ha una faccia losca.....
mi aveva anche promesso gli straordinari pagati.... 
Sarà. Alla fine dopo 20 minuti buoni di camminata...si, un attimo, camminare è salutare, ok, ma farlo in giacca e cravatta ad agosto con 38° gradi non è il massimo della vita... che tutti i bus erano pieni e in ritardo, arrivi alla meta sudato e di pessimo umore. Ottimo inizio.
Entri. 
e come per TUTTI gli uffici pubblici che si rispettino l'entrata non è sul lato più logico, ma di fianco. 
Dato per scontato che è pieno di vegliardi che non hanno trovato cantieri da osservare e quindi, per passare il tempo, sono andati a rompere i coglioni con domande inutili sulla loro miserabile pensione, ti metti alla ricerca dell'ufficio che ti serve. 
Che all'INPS è una cosa ridicola visto che non esiste logica alcuna e le frecce indicano appositamente i luoghi sbagliati e sfidano l'utente ad un gioco di logica che in confronto il Sudoku è una cosa che fai anche sotto la doccia mentre ti tiri una pippa e canti l'Ave Maria di Schubert. 

Ok. Chiediamo informazioni. Al tizio che si scaccolando e sta ignorando a sua volta una coda di uno zillione di persone.

"Buongiorno, avrei bisogno di un'informazione..."
"E certo, quello io faccio!"
PAZIENZA: PRIMA CREPA
"Ok.....dovrei ritirare dei voucher e controllare i contributi..."
"Eh no! Lei mi fa perdere tempo! Mica è qui che deve venire!"
PAZIENZA: SECONDA  CREPA
"Immagino. Infatti le sto chiedendo quale è l'ufficio competente per le collaboratrici familiari...."
"Ma mi sembra una cosa facile! Vada alla sezione agraria no?"
"....sezione agraria? Per una Colf??"
"E che è? Pensava fosse sotto "metalmeccanici"? E su dai, anche lei!"
PAZIENZA: TERZA CREPA....
"Certo...ovvio che il settore domestico è equiparato a quello agricolo! Logico e cristallino!"
".....mi prende in giro, giovanotto?"
Umorismo-Impiegati INPS 0-1

Ok. Saliamo le scale che l'ascensore è rotto. Sono solo 6 piani dopo tutto. Sei piani con 38°. Sei piani con 38° gradi alle 11.30 e con le palle girate. Una normale giornata in ufficio. 
All'arrivo ti trovi davanti un vecchiarello che urla in dialetto ad un impiegato siciliano. 
si formano anche le fazioni... 

"...e lei, giovanotto, cosa vuole?". A naso questo tizio, un altro impiegato, si è trattenuto a forza dal metterci dentro un bel "cazzo". Ti spieghi. Ti guarda male e ti dice di aspettare. 
Molto tempo dopo, arriva un ciccione unto. Uno di quelli che pensavi esistessero solo in Iran e nei film di Sacha Baron Cohen che ti squadra. 

" Era lei quello per la Colf?"
Ti rendi conto che sei l'unico rimasto. Gli altri devono essersi uccisi nella guerra di prima...
"Si, sono io...."
"Bene, allora deve tornare domani."
PAZIENZA: QUARTA CREPA. Sta per cedere del tutto. 
"Ma a dire il vero mi servirebbero oggi...."
"E allora poteva venire ieri!"

Nota: perchè sono tutti convinti che io sia un libero professionista e che sia sempre colpa mia????

"Me lo hanno detto solo oggi...."
"E non sono affari miei! Stiamo chiudendo, torni domani!"

Ora: 12.30. Chiusura: 13.00

"....se vuole, mentre lei mi stampa i documenti, vado a prenderla io sua figlia...."
"Ma è pazzo???"
Umorismo - Impiegati INPS 0-2. E ritiro per manifesta inferiorità.
".....senta.....ci mettiamo 5 minuti...."
"e le sembrano pochi? Non ho mica tempo da perdere io!"
PAUSA MENTALE 
E ho capito! Va trattato un qualsiasi troll di internet.
E così spostandolo con fare brutale, entro nel suo ufficio che sta giusto alle sue spalle.
Ora è spaesato, perduto, in un ambiente ostile (il suo ufficio) e lontano dalla macchinetta del caffè. 

" Su, su....faccia questa stampa. Veloce che devo andare a pranzo e sua figlia la aspetta". 
Ma come cazzo ha fatto a trovare una donna questo tizio con 45 kg di gel nei capelli? Di certo lui stava sotto.... 
"E...beh....va bene....". Un cerbiatto sperduto e vittima di se stesso....

Ma è fatta. Ho i documenti, si torna in studio..... ti senti come un tizio nerboruto e tossico che balla... 


E arrivi in ufficio e ti prepari per andare a pranzo. Il resto della giornata va bene. 
Fino alle 19.29, un minuto prima della fine.

"We Giovà!"
Brivido che sale....
"Si?". Hai la morte in gola.
"Domani c'è da andare al catasto". 

PORCA PUTTANA!