mercoledì 28 agosto 2013

Come uno ai colloqui di lavoro....

Che sai, da un po' non stai facendo un cazzo. La crisi. L'umidità. Il traffico. La tua inutile laurea che ogni tanto usi per pulirti il culo. Ma soprattutto l'umidità. Cazzo, quanto ti ammazza l'umidità.  

E poi hai finalmente dei colloqui. Non ti hanno risposto per mesi, ma ne hai fatti 500 nelle ultime due settimane e te ne restano un migliaio per le prossime due. Un lavoro dimmerda lo dovresti trovare... 

E vai al colloquio. A 150 km da casa e rigorosamente per le 8.00. Che il problema non è la strada. E neanche l'ora. Ma porca merda, solo quelli distanti ti hanno risposto???? E tutti che ti avvisano la sera prima? 


Il navigatore ti conduce a 5 km  dalla meta e poi si perde pure lui, che senti se non lo aggiorni non è che puoi pretendere cose.... e allora parti con il vecchio "Scusi, sa mica...".

Solo che devi andare a Via Dell'Ontano e il primo vecchio ti manda a Via del Lontano. E intanto sono le 7.41, va bene. Poi becchi un altro vecchio che ti manda a Via del Faggio
Che essendo un vecchio rincoglionito per lui una via con l'albero vale l'altra. 

Infine becchi il vecchio di Rubik, quello dei rompicapo.
"Via dell'Ontano?"
"Si si, Ontano, come l'albero...."
"Eh... allora deve andare la delle poste!"
".....si.....e dove sono le poste?"
"Oh santo! Vicino ai giardini!!!. Il vecchio di Rubik non ha contatti umani da 8 anni e parla solo con il gatto, ma appena gli fai una domanda si scoccia... 

"Ok, ci riprovo....dove stanno i giardini che sono vicini alle poste?"
"Oh, dio! Ma come? Ma vicini a Via dell'Ontano no!"


Ma D?@ #[@&%!!!!!! 
"Dai Giovà, stai calmo..."
E sono le 7.58 e alla fine trovi il posto. Te lo ha indicato un extracomunitario che ha appena fatto pure lui un colloquio nello stesso posto. Ecco...si nota se non vado? 
Competenza, anni di esperienza, ma soprattutto rinnovo del permesso di soggiorno... 


Fortuna vuole che alle 9.30 tu ne abbia un altro. La via la chiedi allo stesso extracomunitario che però non sa dove sia. Non ha colloquio anche li. Ok, già meglio. 

E arrivi in loco. La sala d'attesa ti lascia però un pelo perplesso. La segretaria gnocca molto meno. 
"Desidera?"
"Me lo stai chiedendo sul serio???"

La sala d'attesa è strana. C'è musica a palla. Sembra una via di mezzo tra l'anticamera di una saletta privè di un night e la sala d'attesa di una disco, se le disco avessero le sale d'attesa. E su 6 candidati se l'unico maschio. MERDA
"Ciao! Sono Denise e sono più competente di te..."
"Ciao, sono Giova....lo immaginavo..."

Dopo 10 minuti ti sei perfino stufato di contare i pori della pelle della tette della tizia che hai di fronte, hai imparato a memoria come è fatta la patata di quella che sta alla SUA sinistra (la notte è li che ti tormenta...) e hai smesso di chiederti se quella alla tua destra avesse pochi soldi e non potesse permettersi più stoffa per i vestiti. Ce ne sarebbe una che è bruttina. Ma a naso, a intuito, aspira meglio di un aspirapolvere folletto.....

Delle tre l'una:
1- Odiare le donne perchè sono donne... 
OPZIONE NON CONCESSA! 
2- Farsi crescere le tette... 
Vomitate in fretta... 
3- Auspicare che il tizio del colloquio sia omosessuale. 
magari meglio se è una donna va.... 
Arriva il tuo turno. Le tizie se ne sono andate tutte molto contente. In compenso il tizio del colloquio è un terrone dimmerda meridionale abbronzato come un venditore di cocco. 

"Le si definirebbe una persona socievole?"
"Immagino di si...."
"Affidabile?"
"....mmmm....si?"
"Lavora bene in gruppo?"

Non ti è chiaro se voglia qualcosa da te o se stia cercando un cane da slitta.... 
 
Comunque il colloqui va bene. Non ti richiameranno mai più e prenderanno la tipa bruttina che succhia come se non ci fosse un domani. 

A te resta da andare a pranzo con l'extracomunitario, pagare per una sveltina la tizia che ti stava davanti e con la patata in vista e tornare a casa. Che ti hanno telefonato e domani hai un altro colloquio alle 8.00, a 220 km di distanza, non differibile e in Via del Martin Pescatore che fa angolo con Via del Giglio e Via del Tiglio. Domani ammazzi un vecchio dimmerda,..