domenica 16 febbraio 2014

Juve - Chievo 3-1. Pensavate vero?

toh guarda...hanno fatto uscire Giovinco da scuola un po' prima... 
Una partita un po' così, che alla fine è pure stata facile. Solo che nel mezzo è diventata difficile e che se ve la spiego faccio prima... però, oh, bellissimo l'autogol col paraponzi-ponzi-pò incorporato. 

Primo tempo tipo quello di Verona, con l'altro Verona, quello che gioca bene a calcio e non vende pandori e fa revival anni 2000 con Toni. Questo è quello con Pellissier che spaccia coca a bordo campo e un sacco di nerboruti uomini di colore che gestiscono la prostituzione in tutta la provincia. 
Nel mezzo, tra un regolamento di conti e l'altro arriva anche il gol di Asamoh che, per dire, dopo 8 mesi si è ricordato di non avere solo il tiro ignorante rasoterra e pensa bene di fare un gol del quale lui stesso non si capacità. Passa un po', tre arate di quelle dure di Vidal, un paio di palle perse da Llorente in versione camion da rimorchio e arriva il 2-0 di Marchisio su grandissima parata di minchia del loro portiere, affossato al suolo dopo essersi fatto 4 buste di zucchero a velo. 

E il secondo tempo. Che alla Juve va di moda riaprire le partite e siccome quelli da soli non ce la fanno ecco che, teneramente arriva l'autogol della madò. Bellissimo. Incorniciato a dovere dalla bestemmia di Buffon che non scherza un cazzo con le parole e aveva scommesso contro il gol del Chievo.....azz...come farà senza 500 euro? 
Fortuna che il camion da rimorchio fa gol che quelli dei pandori si dimenticano in area quello bravo di testa su una palla alta e quello, guarda te, fa gol di testa .Che fan 10 e mi sta per costare una cena....il maledetto... 

Finisce li, che Giovinco esce tra i fischi per ragioni che sanno quelli sugli spalti...forse le buste di zucchero a velo di cui si fa Pellissier erano arrivate fino in cima, sta a vedere.... 

Bella li, 3-1....mazza, na partita senza gol presi farebbe mica schifo però.... 

E niente, ciao e ci si sente giovedì che ci sta la Coppa Europa del Nonno.