lunedì 2 marzo 2015

Il sequel di Blade Runner.....per parlare di cosa????

ricordiamocelo così... 

Forse lo sapete o forse no (ma se siete appassionato di cinema e/o di fantascienza lo sapete per forza...), ma è stato annunciato il sequel di Blade Runner.
Il sequel.
Di Blade Runner. 
Con Harrison Ford.
Harrison Ford che ha 72 anni. 
Di Blade Runner....
....il sequel....

no, dico....ma davvero? 
Perchè la domanda che mi passa per la testa non è, che so, "come sarà?", ma piuttosto un sincero "di cosa c...o dovrebbe mia parlare un sequel di Blade Runner???". Son problemi.
Tipo che l'originale oltre ad essere un capolavoro del genere (punto di vista personale, ma certamente condiviso da molti) era anche un film genuinamente auto-conclusivo che ti lasciava li con un paio di domande non da poco (si, lui è un replicante, facciamocene una ragione) che però davano quel senso di magico e inquietante ad un film ambientano in un mondo decisamente andato ad inabissarsi tra le onde del degrado (elementi sempre molto graditi). 
"cantieri stradali? meglio il sequel"

Quindi, esattamente di cosa dovrebbe parlare questo film? Della fuga amorosa tra Deckard e Rachael? O di qualche cazzo di rivolta dei replicanti (di cui nessuno sente l'esigenza....sarebbe troppo da paraculo anche per la Hollywood di oggi...)? O magari, per andare di fantasia, un'altra indagine?

Ovviamente andrai a vederlo. E magari, si sa mai, ti piacerà anche. Però magari sarebbe anche ora di provare ad inventare qualcosa di nuovo invece di riciclare sempre le stesse due idee (cioè sequel e remake). Che la fantascienza tende ad essere un genere molto fertile, aperto a qualsiasi tipo di idea. 
Basterebbe avere voglia di fare un film anzichè pensare solo all'incasso. Gira voce che un bel film, magari pure originale, tenda ad avere successo...